http://circolocabana.sitiwebs.com/


Non si può morire così...
Stefano Frapporti era un muratore di 48 anni. Il 21 luglio 2009 andava in giro in bicicletta quando è stato fermato da due carabinieri in borghese per un'infrazione stradale. Portato in carcere perché sospettato di spaccio non uscirà mai vivo dalla cella.

Questo blog nasce dalla volontà della famiglia di ottenere chiarezza su quel che è successo a Stefano e per chiedere che venga fatta giustizia.



ASSEMBLEA PUBBLICA TUTTI I MARTEDI' DALLE 20.00 ALLA SEDE DELL'ASSOCIAZIONE "STEFANO FRAPPORTI" IN VIA CAMPAGNOLE 22.

venerdì 29 aprile 2011

PRESIDIO AL TRIBUNALE DI ROVERETO

1 commento:

  1. Noi non scordiamo noi non dimentichiamo MAI Quello che avete fatto ai nostri figli, fratelli, il giorno 14 a Trieste ci sarà una grande manifestazione i vigili del fuoco , per dimostrare la loro solidarietà verso i cittadini, anche noi saremo presenti anche se in pochi per ricordare quello che 4 vigili del fuoco hanno fatto a Riccardo - TORTURATO LEGATO LE CAVIGLIE CON IL FILO DI FERRO e OMISSIONE DI SOCCORSO . Trieste cosa fai hai tuoi figli?

    RispondiElimina